Una guida globale alle etichette di vino nero di proprietà

Da una casa di champagne a conduzione familiare a una Chicago négociant, le etichette di vino nero di proprietà abbondano. Qui, un elenco di aziende a cercare fuori dagli Stati Uniti, Francia, Sud Africa e oltre.

Per condividere risorse aggiuntive da includere in questo elenco, inviare un’e-mail [email protected]

Stati Uniti

Abbey Creek Vineyard: il primo proprietario e enologo di Black vineyard dell’Oregon, Bertony Faustin ha iniziato a produrre i suoi vini nel 2008. Gli imbottigliatori della Willamette Valley vanno dallo Chardonnay al Gewürztraminer a vendemmia tardiva.

Bertony Faustin di Abbey Creed Vineyard
Bertony Faustin di Abbey Creed Vineyard / Foto di Dan Hawk

Alexis George Wines: il fondatore George ha chiamato questa cantina di Lodi, CA dopo i suoi due figli. Produce Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Pinot Nero, Merlot e Moscato.

Amour Genéve: Per produrre il primo vino blu al mondo, Coviello Salines ha trovato un modo per aggiungere la pigmentazione naturale delle uve Nebbiolo italiane alla fermentazione del Verdejo spagnolo.

Vini Bodkin: Fondata da Chris Christensen in 2011, questa cantina con sede a Sonoma, CA è stata la prima a creare Sauvignon Blanc frizzante negli Stati Uniti

Brown Estate: Bassett e Marcela Brown hanno acquistato un ranch abbandonato della Napa Valley in 1980 e lo hanno trasformato nella prima cantina di proprietà nera della regione. L’etichetta ha debuttato la propria linea di vini nel 2000.

Charles Wine Company: Fondata da Paul Charles, De’Ondre Charles e Dr. Cherise Moore nelle colline della Sierra di Lodi orientale, Charles Wine è specializzata in Zinfandel, Symphony, Chardonnay & Pinot Nero.

Intercetta di Charles Woodson: Dopo un periodo a Napa Valley, l’ex stella della NFL Charles Woodson ha lanciato Intercept, che produce uva dalla costa centrale della California.

Vini di famiglia scelti: l’ex stella NBA Channing Frye ha avuto un’epifania dopo aver assaggiato alcuni Pinot dell’Oregon anni fa. Il suo “progetto di passione” si è trasformato in un’ossessione in piena regola quando ha lanciato Chosen Family Wines con la sua “famiglia scelta”, Jacob, uno stratega aziendale, e Chase, l’enologo e il coltivatore.

Angolo 103: Prende il nome dalla posizione della sua sala di degustazione nel centro di Sonoma, Angolo 103 è il frutto dell’ex finanziere Lloyd Davis.

Darjean Jones Wines: Proprietario / enologo Dawna Darjean Jones, Ph. D. è dietro questa etichetta californiana che proviene da noti vigneti di Napa e Sonoma.

Davidson Wine Co.: Il proprietario Lindsey Williams ha aperto questa cantina urbana della Carolina del Nord in 2019. Utilizzando fonti provenienti da tutto il mondo, è in grado di produrre oltre una dozzina di vini diversi.

Davine Wines: Elena “Davine” Smith possiede questa etichetta che produce Chardonnay, Moscato e sangria imbottigliata, tra gli altri.

Domaine Curry: Ayesha e Sydel Curry, moglie e sorella della stella NBA Stephen Curry, hanno debuttato la loro nuova etichetta con l’annata 2016. Attualmente producono un Cabernet Sauvignon e un Sauvignon Blanc.

Earl Stevens Selections: il veterano del rap Earl Stevens, noto anche come E-40, ha fondato la sua linea di vini nel 2013. È anche dietro la linea di Tequila, E. Cuarenta.

Chrishon Lampley of Love Cavatappi, nel vigneto
Chrishon Lampley of Love Cavatappi / Foto di Christian De’Mar

ENAT Winery: Situato a East Oakland, Herb Houston e Debbie Gebeyehu iniziato ENAT nel 1999. La cantina è specializzata in tej, un tradizionale vino al miele etiope.

Esrever Wines: Jasmine Dunn, Tyshemia Ladson e Ashanti Middleton hanno fondato la loro etichetta di vino di New York nel 2018. Attualmente offre un blend Pinot Grigio / Moscato bianco.

Eunice Chiweshe Goldstein Winery: L’attore/scrittore Eunice Chiweshe Goldstein ha aggiunto la prima donna nera dell’Oregon al suo curriculum nel 2018. Il marchio attualmente imbottiglia un Blanc de Blanc e un Pinot Nero.

FLO Vino: Il musicista Marcus Johnson ha ampliato la sua attività editoriale musicale con wine nel 2012. Le proposte della linea includono un blend rosso, Chardonnay e Moscato.

Fog Crest Vineyard: Questa cantina con sede a Russian River Valley è stata fondata da Rosalind Manoogian con il marito James nel 1997. Si concentrano su Chardonnay e Pinot Nero.

Free Range Flower Winery: Fondatori Aaliyah Nitoto e Sam Prestianni fonte locale, fiori biologici per questo Oakland, cantina CA-based. Le offerte per piccoli lotti includono vini alla lavanda e alla rosa.

Cantina Frichette: Shae Frichette è co-proprietario di questa cantina nella denominazione Red Mountain di Washington. Sette varietà vanno in linea con una produzione annua di 2.000 casi.

Cantine Indigené: Raymond Smith è dietro questa cantina a conduzione familiare Carmel Valley, CA, fondata nel 2008.

J. Moss Wines: James e Janet Moss hanno fondato la loro piccola cantina di famiglia nel 2000. Provengono dal loro piccolo vigneto della Napa Valley, così come da altri siti importanti della regione.

Jenny Alba Cantine: In 2016, Jennifer MacDonald, proprietario / enologo, ha stabilito la prima cantina urbana a Wichita, Kansas. Con uve provenienti sia dalla California e Kansas, lei è il primo enologo afro-americano dello stato.

La Fête du Rosé: la carriera precedente del fondatore Donae Burston comprendeva la collaborazione con marchi di vini di lusso. La sua etichetta rosé, prodotta al Domaine Bertaud Belieu di Saint-Tropez, è stata lanciata negli Stati Uniti nel 2019.

Le Loup Gris: I partner James Pendergrass, Pete Coticchia e Michael Jeter hanno lanciato questa etichetta californiana nel 2014, e l’hanno chiamata dopo i lupi grigi che un tempo vagavano per la Napa Valley.

L’Objet Noir: l’enologo Dan Glover è dietro questa etichetta basata su Sonoma. Le uve per il Pinot Nero della linea provengono dal rinomato vigneto Bacigalupi.

 Phil Long di longevità Vini, in piedi da botti
Phil Long, Longevità Vini / Foto di Ron Essex

Longevità Vini: Fondata nel 2008 da Phil Long, anche presidente dell’Associazione dei viticoltori afroamericani, questa cantina di Livermore Valley, CA, produce imbottigli di Cabernet Sauvignon e Chardonnay.

Love Cork Screw: Dopo 17 anni nel settore, négociant Chrishon Lampley ha fondato il proprio marchio di vini nel 2013. Le varie offerte dell’etichetta sono disponibili in tutta l’area di Chicago.

Collezione LVE: il musicista John Legend ha collaborato con Raymond Vineyard di Napa Valley nel 2015 per creare l’etichetta di vino LVE.

L’Tonya Renee Miscela rossa: L’attore Tonya Renée Banks ha lanciato la sua etichetta di vino in 2018. La miscela rossa dell’azienda è realizzata in collaborazione con i vini longevità di Livermore Valley.

Markell-Bani: gli amici di una vita Gregory Markell Lawrence e Sean Bani Yisrael sono alla base di questa etichetta con sede a Cincinnati, Ohio. I due vini sono realizzati con uve Concord e Niagara coltivate in Pennsylvania.

Maison Noir Wines: il sommelier ed enologo André Hueston Mack ha lanciato il suo marchio Willamette Valley, OR, nel 2007. Oltre alle bottiglie, Maison Noir Wines include un negozio online con T-shirt ispirate al vino.

Sorelle McBride: Non solo Andréa e Robin McBride gestisce questa etichetta di vino che proviene dalla California e dalla Nuova Zelanda, ma hanno anche creato il fondo di borse di studio per lo sviluppo professionale SHE CAN per le donne nell’industria del vino.

McClain Cellars: Con una posizione a Laguna Beach e una nella contea di Santa Barbara, Jason & Il rock and roll tastingroom-cum-lounge di Sofia McClain offre vini dal nome sfacciato con un’atmosfera rilassata.

Tenuta Meadows Vigneto e cantina: Nella valle Umpqua dell’Oregon meridionale, la tenuta Meadows, precedentemente nota come MarshAnne Landing, mira a produrre “Vini fuori dal mondo” da varietà di Bordeaux e Rodano coltivate sul loro vigneto di 17 acri.

Michael Rose Cellars: Appena a nord di Paso Robles, CA si trova questa cantina di San Miguel che produce piccoli lotti, vini coltivati. La gamma comprende Syrah, Chenin Blanc, Alicante Bouschet e altre varietà.

MYX Fusions: il musicista Nikki Minaj ha creato questa linea di sangria e moscati aromatizzati, lanciata nel 2013.

Vini Okapi: Dan e Kim Johnson hanno trasformato un frutteto di noci della Napa Valley in Jungle Love Vineyard nel 2006. Oggi produce rosé, Cabernet Sauvignon, Sauvignon Blanc, Chardonnay, tra gli altri.

Ole’ Orleans Wines: la nativa di New Orleans Kim Lewis ha stabilito la sua etichetta in 2018 dai vigneti locali della Louisiana. Offre vini bianchi semi-dolci e secchi.

P. Harrell Wines: Paula Harrell, nativa di San Francisco, ha fondato la sua etichetta Sonoma County nel 2015. La linea comprende un Riesling, uno Zinfandel e un Aglianico e Syrah rosé.

Andréa McBride John e Robin McBride / Foto di Michelle Magdalena
Andréa McBride John e Robin McBride / Foto di Michelle Magdalena

Sapiens: il Co-fondatore Tolu Obikunle si è ispirato per creare una gamma di bevande alcoliche vini perché ha spesso cercato alcool opzioni di networking con i colleghi di Wall Street. Sapiens offre un blend di Cabernet Sauvignon e Tempranillo, e uno spumante rosato, entrambi con 0% abv (alcol in volume).

Shoe Crazy Wine: il fondatore Gwen Hurt, insieme alla figlia Brittny, sono dietro questa etichetta Virginia. Lavorano con vigneti in California, Washington e Bordeaux.

Simply Love Wines: questo marchio con sede a Chicago è il sogno di Barbara Jackson. Ha creato l’etichetta nel 2013, con uve provenienti da Napa Valley.

Sip & Condividi Vini: con uve di Lodi, California, la proprietaria Nicole Kearney realizza i suoi vini vegani in Indiana. Dopo aver sperimentato con sangrias, ha presentato la sua collezione di vini Seven Words nel 2019.

Sosabe Wines: Capo Verde Nuias DePina ha lavorato presso Raymond Vineyards prima di iniziare la propria etichetta Napa Valley nel 2003.

Stoney Wines: Fondata nel 2019, l’enologa Donna Stoney è la prima enologa donna nera dell’Oregon. Una parte del ricavato delle vendite viene devoluto a programmi di sostegno per le persone con disabilità intellettive e dello sviluppo.

Stover Oaks Vineyard & Cantina: Nel 2004, Lou e Jan Garcia hanno rilevato questa tenuta di El Dorado, CA. Essi fonte uva dal proprio vigneto di cinque acri, così come altri siti in tutta la California.

Champagne Stuyvesant: prende il nome da Bedford-Stuyvesant, il quartiere di Brooklyn, NY, Marvina Robinson ha debuttato il suo marchio di champagne nel 2020. I vigneti dell’etichetta si trovano nella valle della Marna, nella valle dell’Ardre e nell’Aisne.

Charles Woodson di Intercept Wines
Charles Woodson, Intercept / Photo courtesy Intercept

Taste Collection Cantine: La proprietaria Rhonda Russell fonda il suo marchio a Houston con vini di Lodi, CA.

Theopolis Vineyards: Avvocato Theodora Lee ha fondato il suo cinque acri Mendocino County, CA, vigneto nel 2003. Ha ricevuto ampi consensi per i suoi piccoli imbottigli di Sirah.

Tympany Vineyards: Louis Jordan ha raccolto la sua prima annata Sonoma County nel 2006. Attualmente è specializzato in Cabernet Sauvignon.

Vina Sympatica: il fondatore Sherrijon Gaspard è alla base di questa linea di spumanti rossi, bianchi e viola a base di Cabernet Sauvignon e Colombard.

Cantine Virgo: l’enologa Stefanie Jackson ha fondato questa cantina urbana di Oakland, CA, nel 2007. Lei fonti le sue uve da tutta la California.

Vision Cellars: il proprietario Edward Lee “Mac” McDonald ha fondato questa etichetta della contea di Sonoma nel 1995. È anche il fondatore dell’Associazione dei viticoltori afroamericani.

Cantine Wade: La stella NBA Dwayne Wade collabora con i vini Pahlmeyer di Napa Valley per questa etichetta fondata nel 2015. La linea a tre bottiglie comprende un blend rosso, un rosato e un vino bianco.

Wachira Wines: la Dr. ssa Christine Wachira, keniota, ha fondato questa cantina urbana di Alameda, CA, nel 2019. Anche servire come l’enologo, fonti Wachira da tutta la California.

Wandering Wines: con sede a Coconut Grove, FL, la linea di Wandering Wines comprende Cabernet Sauvignon, Chardonnay e altri dalla Valle di Maule, in Cile. Co-fondatore Mathias Kiwanuka è il nipote del primo primo ministro dell’Uganda, ed è stato un primo turno del draft NFL 2006 e ha giocato nove stagioni con i New York Giants.

Wifey Brands: uve Raposo venete protagoniste di Wifey Sparkling Rosé, lanciato nell’ottobre 2019.

Zafa Vini: Vigneronne Krista Scruggs, un appassionato di vino 40 Under 40 honoree, produce bottiglie da varietà ibride biodinamiche, cofermenta con mele da sidro, e utilizza uve provenienti sia dal Vermont e Texas.

Francia

Armand de Brignac: La leggenda dell’hip hop Jay-Z, noto anche come Shawn Carter, è dietro questo marchio, realizzato in collaborazione con la famiglia Cattier a Chigny-les-Roses, Champagne.

Champagne Cheurlin: la stella NBA Isiah Thomas ha collaborato con Thomas Cheurlin per portare questo Champagne sul mercato statunitense nel 2017.

La Fete du Rosé: il fondatore e CEO Donae Burston ha lanciato questo rosé da St. Tropez nel 2019 con l’obiettivo di raggiungere i bevitori multiculturali. Burston fa donazioni per conto di La Fete al NAACP Legal Defense and Educational Fund e Color of Change.

Marie Césaire: Il team di sorelle e fratelli Marie-Inés e Jaïro Romell ha fondato questa casa di champagne nel 2015. Gli spumanti sono prodotti da uve coltivate a Écueil.

Edward Lee "Mac" McDonald / Foto di James Bueti Photography
Edward Lee “Mac” McDonald / Foto di James Bueti Photography

Germania

Edelheiss Wine: i fondatori Rodney E. Foster e Reemt Peters producono questi vini tedeschi biologici. La linea comprende un vino rosso liquoroso e due spumanti.

Italia

Il Palazzone: Il newyorkese Richard Parsons ha acquistato questa tenuta toscana nel 2000. Visita l’Italia per la raccolta e la miscelazione, tra cui il Brunello di Montalcino dell’etichetta.

Kenya

Saikeri Estate: Agricoltura due ore fuori Nairobi, nella Great Rift Valley, enologo Mukami Mwarania è uno dei pochi viticoltori in Kenya.

Sud Africa

Adama Wines: Una parte del gruppo Bosman Adama, questa azienda vinicola a maggioranza nera è anche posseduta per il 30% da donne.

Vini Aslina: Fondata dal primo enologo femminile nero del Sud Africa, Ntsiki Biyela, Aslina offre vini rossi e bianchi varietali e una miscela rossa in stile bordeaux chiamata Umsasane, o Martiarch.

Bayede: Offre una vasta gamma di vini provenienti da tutto il Cape Winelands, tra cui Stellenbosch, Robertson, Franschhoek e Paarl.

Vini Blouvlei: In questo marchio della cantina Mont du Toit, i dipendenti hanno una partecipazione di proprietà e un interesse diretto nella vendita dei vini.

Vini Botébo: Situato a Jacobsdal, Botébo è una fattoria di quasi 120 acri, circa 44 dei quali sono sotto la vite e producono una serie di selezioni.

Cape Dreams: Questo marchio si sforza di avere un impatto attraverso la dedizione a una varietà di progetti e iniziative importanti, tra cui la Biodiversity Wine Initiative e l’accreditamento WIETA.

Mani che raccolgono l'uva a Maison Noir
Raccolta dell’uva a Maison Noir Wines / Photo courtesy Maison Noir Wines

Carmen Stevens Wines: L’enologa Carmen Stevens ha lanciato la sua linea di vini grazie al sostegno di angel funding attraverso Naked Wines.

Compagniesdrift: Questa attività di empowerment nero è di proprietà congiunta del Myburgh Family Trust e del Meerlust Workers Trust, che è composto da 72 persone con relazioni di lunga data a tre aziende vinicole locali di lunga data.

Vini Doornkraal: L’azienda agricola Doornkraal offre una produzione di vino su piccola scala che utilizza metodi tradizionali come la semina ad alta densità e la coltivazione non meccanica.

Earthbound: Prodotto a Papkuilsfontein, fuori Darling sulla costa occidentale del Capo, il portafoglio di vini è prodotto biologicamente in linea con i principi del commercio equo e solidale.

Epicuriean Wine: fondato da quattro amici con la passione per il vino, questo marchio produce uve da vari vigneti in tutto il Capo, in particolare a Stellenbosch per le uve rosse e Elgin per le uve bianche.

Fairvalley: Istituito dalla Fairvalley Farm Workers Association, che attualmente vanta più di 60 famiglie membri dell’organizzazione, il marchio certificato Fairtrade produce una gamma di vini rossi e bianchi di qualità.

Five’s Reserve: Questa gamma di vini è una proprietà congiunta di Van Loveren Family Vineyard e del suo Employee Trust, con il 100% delle uve provenienti dall’iniziativa di empowerment dell’azienda, De Goree.

Enologo esterno
Cortesia Kumusha Wines

Casa di Mandela: Con lignaggio e eredità a Madiba, attraverso immagini, nome e presentazione, i vini della Casa di Mandela si sforzano di raccontare storie della nazione arcobaleno e offrire un ponte tra passato, presente e futuro.

Imvula Wines: Fondata da Siyabonga Mvula, Imvula è un marchio di vino sudafricano al 100% di proprietà nera che offre una gamma di vini provenienti dal distretto di Robertson del Capo occidentale.

Vini Inkosi: Un marchio della Mayime Winery e della Mayime Promary Agricultural Cooperative nel Capo orientale, la linea Inkosi, che prende il nome dalla parola Xhosa/Zulu per “il capo”, presenta Chardonnay e Pinotage.

J9 Vini: Fondata da Janine Petersen, uno dei più giovani proprietari di vino nero-azienda nel paese, J9 fonti vino da viticoltori in tutto il Western Cape.

Koni Wines: fondata da Koni Maliehe nel 2015 per influenzare la vita dei sudafricani attraverso la creazione di posti di lavoro e un’eredità sostenibile per le generazioni future, la linea attualmente presenta vini rossi varietali e miscele.

Koopmanskloof: Situato nella sottoregione Bottelary Hills di Stellenbosch, questo marchio certificato Fairtrade investe in numerosi programmi che promuovono lo sviluppo sociale, economico e ambientale.

Vini Kumusha: creato e realizzato dal sommelier Tinashe Nyamudoka, Kumusha, che si traduce in “casa, radici o origine” nella lingua Shona dello Zimbabwe, presenta una miscela bianca e rossa proveniente dalla Breedekloof Valley.

La RicMal: Originario di KwaZulu-Natal, il team padre e figlio di Malcolm e Ricardo Green guida questo marchio certificato WIETA e Flocert che si concentra sulla creazione di posti di lavoro locali, l’elevazione sociale e la sostenibilità a lungo termine.

Land of Hope: una partnership tra the Land of Hope Trust e Radford Dale, il portafoglio del marchio offre una gamma di vini bianchi e rossi che avvantaggiano la fiducia e le famiglie dei membri attraverso un’istruzione di alta qualità e lo sviluppo delle competenze.

Vini Lathithá: Fondata da Sheila Hlanjwa, questa iniziativa di Empowerment economico nero con sede a Stellenbosch sostenuta da Hoopenburg Wine Estate si concentra sulla produzione di rosso e rosato.

Donna Stoney
Donna Stoney / Foto di Sasheen Abram, Glow Girl, LLC

L’orgoglio di Libby: Dopo anni trascorsi a lavorare nel settore del vino, la fondatrice Elizabeth “Libby” Petersen ha iniziato a Libby Price Wines offre una gamma di vini rossi e bianchi varietali, oltre a una miscela rossa di firma.

Liz Ogumbo Wines: La gamma omonima di Liz Ogumbo, musicista e stilista nato in Kenya, comprende un Pinotage, Chenin Blanc-Chardonnay blend, Shiraz e Sauvignon Blanc.

M’Hudi: Dalla parola Setswana mohudi, che significa mietitrice, la famiglia Rangaka gestisce questo marchio di vini a base di Stellenbosch che include selezioni rosse, bianche e spumanti.

Magna Carta Wines: Questo marchio di vini naturali a base di Franschhoek dell’enologo Mphumelei Ndlangisa offre selezioni uniche di piccola produzione con un design delle etichette altrettanto intrigante.

Vini Mosi: nativo dello Zimbabwe, proprietario e enologo Joseph T. Dhafana chiamato il suo marchio, che comprende un Chenin Blanc e Syrah, dopo il villaggio è cresciuto in.

PaardenKloof: una delle prime aziende vinicole sudafricane di proprietà nera a coltivare i propri vigneti, il marchio presenta vini monovarietali e monovarietali da Cabernet Sauvignon, Pinot Nero, Shiraz e Sauvignon Blanc.

Paul Roos Wine: Prodotto da Paul Roos Farming, il progetto di empowerment della famiglia Roos a Ruse en Vrede vicino a Stellenbosch, la linea Paul Roos presenta sia una miscela rossa che bianca che beneficia dei programmi di educazione in azienda.

Vini Sena: Composta da una selezione rossa, bianca e rosata, questa linea di vini de-alcolizzati è realizzata dal fondatore e enologo Ziyanda Tutu.

 Davidson Wine Co. esterno
Davidson Wine Co. / Photo by Jenny Renee

Ses’Fikile: Fondata 15 anni fa da un gruppo di donne attraverso un accordo di empowerment con Flagstone Winery, oggi, il marchio è realizzato da un team di viticoltori e viticoltori nel distretto Stellenbosch delle Cape Winelands.

Sette Sorelle: Guidata dalla passione delle sette sorelle della famiglia Brutus, questa etichetta presenta una gamma uguale di vini rossi e bianchi varietali.

Siwela Wines: Fondata nel Capo occidentale da Siwela Sweetness Masoga, la linea del marchio comprende un vino rosso, rosato e spumante proveniente da uve provenienti da tutto il distretto di Stellenbosch.

Solms-Delta: Questa storica cantina di Franschhoek, con un vasto portafoglio di vini di livello riserva, è ora di proprietà al 50% dei lavoratori e dei residenti della fattoria.

Vini figli della Terra: La terza generazione di lavoratori del settore vitivinicolo della sua famiglia, il fondatore e direttore Denzel Swarts ha lanciato questa gamma di tre vini, uno spumante Chenin Blanc, Pinotage e Méthode Cap Classique (MCC), nel 2018.

Tesselaarsdal Wines: Dopo 15 anni nel settore del vino, la proprietaria Berene Sauls ha avuto l’opportunità di lanciare il proprio marchio con l’assistenza di Hamilton Russell Vineyards e del suo team. Il marchio si concentra attualmente sul Pinot Nero della cresta Hemel-en-Aarde.

Il Ponte della Speranza Vini: Fondata da Rosemary Mosia, questa azienda a conduzione familiare produce tre diverse collezioni: La Classic Collection. Collezione Premium e collezione di riserva.

Thembi Wines: Fondata nel 2009 come joint venture tra Thembi Tobie e Boland Vineyard International, ma ora di proprietà esclusiva di Tobie dal 2012, il marchio certificato Fairtrade comprende quattro vini varietali, due bianchi e due rossi.

Thokozani: Organizzata e supervisionata dall’amministratore delegato Denise Stubbs, questa iniziativa progressista di Empowerment economico nero (BBBEE) vanta 85 azionisti del personale che rappresenta l ‘ 80% della proprietà del marchio del vino e del suo portafoglio di offerte di vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.